Leggera flessione della disoccupazione giovanile in Europa. Ad aprile nell’area euro il tasso si è attestato al 23,5%, in calo rispetto al 23,9% dello stesso mese dell’anno precedente, mentre nell’Unione europea a 28 Stati al 22,5% dal 23,6% di aprile 2013. Quello che balza agli occhi, però, è la distanza abissale tra la Germania – che registra un tasso del 7,9% -, l’Austria (9,5%) e i Paesi più colpiti dalla crisi come Grecia (56,9%), Spagna (53,5%), Croazia (49%) e Italia (43,3%).

Nel complesso, nei 18 paesi dell’Eurozona anche la disoccupazione registra un lieve calo. Lo riporta l’Eurostat secondo cui lo corso aprile il tasso dei senza lavoro è sceso all’11,7%, rispetto all’11,8% di marzo e al 12% di aprile 2013. Se si estende il dato a tutti i 28 paesi dell’Unione europea, la quota dei disoccupati è passata dal 10,5 di marzo al 10,4% di aprile. Fra gli Stati membri i tassi di disoccupazione più elevati sono stati registrati in Grecia (26,5%) e Spagna (25,1%), mentre i più contenuti in Austria (4,9%) e Germania (5,2%). In Italia il tasso è rimasto stabile al 12,6% rispetto al mese precedente mentre il numero di disoccupati è diminuito dello 0,4% (-14 mila) su marzo, attestandosi a 3,2 milioni.

Ma nei 18 Stati torna a scendere anche l’inflazione  dove a maggio, su base annua, è stata pari allo 0,5% contro lo 0,7% di aprile. Già lo scorso marzo il tasso medio dell’inflazione nei 18 Paesi nell’area euro era stato pari allo 0,5%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disoccupazione, ad aprile il tasso è al 12,6%. Quella giovanile al 43,3%

next
Articolo Successivo

Call center al collasso. Il 4 giugno a Roma scendono in piazza i lavoratori senza volto

next