Cambio di password per gli utenti di eBay a seguito di un cyberattacco avvenuto tra le fine di febbraio e i primi di marzo. Il sito di aste online ha invitato i suoi iscritti a cambiare i codici di accesso personali, ma ha comunque garantito che i dati finanziari e su Paypal non sono stati compromessi. Ebay, ha fatto sapere in una nota, sta lavorando con le autorità e gli esperti di sicurezza e “inizierà a chiedere nel corso della giornata ai propri utenti di cambiare la password“. Il cyberattacco, prosegue la società,”ha compromesso un database contenente password e altri dati non finanziari. Dopo aver condotto indagini approfondite sulle proprie reti, la società – spiega in una nota – ritiene che non ci siano prove di accessi non autorizzati a informazioni finanziarie o carte di credito. In ogni caso cambiare password è la cosa migliore”.

Nel comunicato eBay sottolinea che gli attacchi online hanno “compromesso le credenziali per il log in di un ristretto numero di dipendenti, consentendo l’accesso non autorizzato alla rete aziendale. Lavoriamo con le autorità e gli esperti di sicurezza per indagare su quanto accaduto e attuare i migliori strumenti forensi e le pratiche migliore per tutelare i nostri clienti”. “Il database, compromesso fra la fine di febbraio e gli inizi di marzo, includeva i nomi, le password, gli indirizzi email, l’indirizzo fisico, il numero di telefono e la data di nascita dei clienti Ebay”.

Il sito di aste online conta 145 milioni di utenti attivi alla fine del primo trimestre e l’attacco cibernetico che ha subito non è il primo del genere negli Stati Uniti. Negli ultimi mesi del 2013 hacker avevano rubato i dati di circa 40 milioni di carte di credito e di debito di clienti di Target approfittando di una falla nel sistema di sicurezza ‘Heartbleed’ utilizzato dalla rete interna del gruppo e da oltre 500mila siti web che richiedono l’inserimento di una password e di altre informazioni sensibili. L’attacco contro Target aveva permesso agli hacker di trafugare i dati personali di circa 70 milioni di persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo ospite di Vespa a Porta a Porta: #Brunochiedi, le domande su Twitter

prev
Articolo Successivo

Cina, gli hacker e l’internet made in Usa

next