E’ stata presentata a Castenaso (Bologna) la Giunta che il sindaco uscente del Pd, Stefano Sermenghi, formerà se verrà rieletto alle prossime elezioni amministrative. Tra gli assessori (cinque, di cui tre donne) c’è anche Benedetta Renzi, sorella del Premier, destinata al Welfare e alla Scuola. “Cosa mi ha consigliato Matteo? Ha detto di stare attenta”, ha dichiarato all’agenzia Dire, “Mi ha detto ‘in bocca al lupo’ e basta. Ma penso che abbia altri problemi piuttosto che pensare a quello che faccio io in questo momento”. Dopo qualche tentennamento nei mesi scorsi, ha deciso di mettersi in gioco nella politica locale. “Ho pensato sempre che bastasse il volontariato o fare scout – ha detto la candidata del Pd, sposata, con tre figli e da sei anni a Castenaso – Poi, con le primarie di Matteo nel 2012, ho conosciuto persone come Sermenghi e il candidato Pier Francesco Prata. Da quel giorno mi sono sentita parte della squadra. Mi metto in gioco, sperando di parlare della cose fatte e non di quello che sono”.

Per il sindaco uscente “fare politica deve essere qualcosa di bello, una funzione temporanea al servizio di tutti”, ha spiegato Sermenghi, la cui lista (Prima Castenaso) è supportata da Pd, Sel e Psi. Oltre a lui e a Benedetta Renzi, l’eventuale Giunta sarà composta da Concetta Giglio (bilancio), Alberto Biancoli (attività produttive), Giorgio Tonelli (cultura) e Laura Da Re (ambiente e pari opportunità).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ferrara, al via a festa di Altroconsumo. “Impariamo a difenderci dagli inganni”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Renzi tour in Emilia Romagna: “Daspo ai politici che prendono tangenti”

next