E’ stata presentata a Castenaso (Bologna) la Giunta che il sindaco uscente del Pd, Stefano Sermenghi, formerà se verrà rieletto alle prossime elezioni amministrative. Tra gli assessori (cinque, di cui tre donne) c’è anche Benedetta Renzi, sorella del Premier, destinata al Welfare e alla Scuola. “Cosa mi ha consigliato Matteo? Ha detto di stare attenta”, ha dichiarato all’agenzia Dire, “Mi ha detto ‘in bocca al lupo’ e basta. Ma penso che abbia altri problemi piuttosto che pensare a quello che faccio io in questo momento”. Dopo qualche tentennamento nei mesi scorsi, ha deciso di mettersi in gioco nella politica locale. “Ho pensato sempre che bastasse il volontariato o fare scout – ha detto la candidata del Pd, sposata, con tre figli e da sei anni a Castenaso – Poi, con le primarie di Matteo nel 2012, ho conosciuto persone come Sermenghi e il candidato Pier Francesco Prata. Da quel giorno mi sono sentita parte della squadra. Mi metto in gioco, sperando di parlare della cose fatte e non di quello che sono”.

Per il sindaco uscente “fare politica deve essere qualcosa di bello, una funzione temporanea al servizio di tutti”, ha spiegato Sermenghi, la cui lista (Prima Castenaso) è supportata da Pd, Sel e Psi. Oltre a lui e a Benedetta Renzi, l’eventuale Giunta sarà composta da Concetta Giglio (bilancio), Alberto Biancoli (attività produttive), Giorgio Tonelli (cultura) e Laura Da Re (ambiente e pari opportunità).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrara, al via a festa di Altroconsumo. “Impariamo a difenderci dagli inganni”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Renzi tour in Emilia Romagna: “Daspo ai politici che prendono tangenti”

next