Se le elezioni Europee fossero oggi, il 33 percento degli italiani voterebbe Pd. I democratici guadagnano quasi un punto rispetto alla scorsa settimana (+0,9%), staccando di oltre 6 punti il Movimento 5 Stelle, che invece scende nelle intenzioni di voto passando dal 27,4 al 26,6 percento. Lieve crescita di Forza Italia (+0,3%), che si attesta al 17,8 percento. E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’Istituto demoscopico Ixè in esclusiva per il programma Agorà (Rai3).

Sale leggermente la Lega Nord (+0,3%), al 5,3 percento, mentre la formazione composta da Nuovo Centrodestra-Udc-Ppe cala dal 5,1 al 4,8 percento. Pressoché stabile Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale (+0,1%), al 3,9 per cento, mentre perde qualcosa L’altra Europa con Tsipras (-0,3%), che scivola al 3,8 per cento. Nessuna variazione per Scelta Europea con Guy Verhofstadt, al 2 per cento. Pur perdendo oltre mezzo punto (-0,7%), resta consistente il cosiddetto ‘partito del non votò, al 42,3%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Campagna elettorale, vale il diritto a sparar di tutto

next
Articolo Successivo

Europee, Renzi: “Grillo è sciacallo”. Lui: “Premier come Genny ‘a Carogna”

next