Poco, ma anche la Fondazione Cariplo prende le distanze dai salotti. E così ha deciso di affidare in gestione la partecipazione in Intesa Sanpaolo a Quaestio Capital Management Sgr. Lo ha reso noto lo stesso ente lombardo in sede di approvazione del bilancio 2013. “Con l’affidamento in gestione della sua partecipazione in Intesa Sanpaolo (4,948% del capitale) la Fondazione – si legge in una nota – continua a svolgere il suo ruolo di investitore di lungo periodo nella Banca, ribadendo completa fiducia nel nuovo management, ma realizza al contempo una piena diversificazione del patrimonio, in coerenza con i suoi obiettivi istituzionali”.

“Con questo passaggio – afferma il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – avvenuto nel momento opportuno, Fondazione Cariplo aliena solo i rischi finanziari della partecipazione, ma ne mantiene i diritti di proprietà (dividendo e voto)”. L’operazione, aggiunge, “è quindi virtuosa per diversi motivi tra cui: dal punto di vista finanziario oggi rappresenta un vantaggio per la Fondazione perché le permette di ottimizzare il rendimento del patrimonio nel tempo per meglio finanziare le attività filantropiche; dal punto di vista istituzionale, non cambiano le relazioni con la banca per la quale nutriamo assoluta fiducia nella gestione, anche in relazione al piano industriale recentemente approvato: sono certo che coloro i quali avranno il compito di realizzarlo (Giovanni Bazoli, Gian Maria Gros Pietro e Carlo Messina) sapranno farlo, come sempre, al meglio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia, la lettera di Etihad arriva, Lupi esulta. Ma l’azienda mira a 400 milioni di risparmi

prev
Articolo Successivo

Fondazione Mps e i soci del patto aderiranno a aumento di capitale

next