Poco, ma anche la Fondazione Cariplo prende le distanze dai salotti. E così ha deciso di affidare in gestione la partecipazione in Intesa Sanpaolo a Quaestio Capital Management Sgr. Lo ha reso noto lo stesso ente lombardo in sede di approvazione del bilancio 2013. “Con l’affidamento in gestione della sua partecipazione in Intesa Sanpaolo (4,948% del capitale) la Fondazione – si legge in una nota – continua a svolgere il suo ruolo di investitore di lungo periodo nella Banca, ribadendo completa fiducia nel nuovo management, ma realizza al contempo una piena diversificazione del patrimonio, in coerenza con i suoi obiettivi istituzionali”.

“Con questo passaggio – afferma il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – avvenuto nel momento opportuno, Fondazione Cariplo aliena solo i rischi finanziari della partecipazione, ma ne mantiene i diritti di proprietà (dividendo e voto)”. L’operazione, aggiunge, “è quindi virtuosa per diversi motivi tra cui: dal punto di vista finanziario oggi rappresenta un vantaggio per la Fondazione perché le permette di ottimizzare il rendimento del patrimonio nel tempo per meglio finanziare le attività filantropiche; dal punto di vista istituzionale, non cambiano le relazioni con la banca per la quale nutriamo assoluta fiducia nella gestione, anche in relazione al piano industriale recentemente approvato: sono certo che coloro i quali avranno il compito di realizzarlo (Giovanni Bazoli, Gian Maria Gros Pietro e Carlo Messina) sapranno farlo, come sempre, al meglio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alitalia, la lettera di Etihad arriva, Lupi esulta. Ma l’azienda mira a 400 milioni di risparmi

next
Articolo Successivo

Fondazione Mps e i soci del patto aderiranno a aumento di capitale

next