Un’altra evasione, a poche ore dal caso di Filippo De Cristofaro. Un detenuto tunisino, Ballouti Moncef, che sarebbe dovuto rientrare la sera di lunedì 28 aprile nel carcere di Bollate dopo un permesso premio, non si è presentato.

L’uomo ha una condanna per omicidio, finirà di scontare la pena nel 2020. Al detenuto erano stati concessi anche dei permessi premio, fa sapere l’Osapp, il sindacato di polizia penitenziaria, ed era stato ammesso al lavoro esterno inizialmente con la scorta, ma poi, data la buona condotta, anche senza.

Nella perquisizione della sua cella nel carcere milanese sono risultati presenti tutti i suoi effetti personali, tranne il pc. L’umo “l’anno prossimo poteva aspirare ai servizi sociali”, ha spiegato il vice capo del Dap Luigi Pagano all’Adnkronos. “Il direttore del carcere non si spiega ancora cosa sia potuto succedere visto che il suo comportamento è stato sempre irreprensibile. È anche possibile che gli sia successo qualche incidente”, ha Pagano.

“Quest’episodio – ha dichiarato il segretario generale dell’Osapp, Leo Beneduci – deve indurre a una riflessione, perché riguarda un carcere definito modello. Questo dimostra come il sistema penitenziario non sia esente da gravissime carenze anche dal punto di vista del reinserimento dei detenuti. Inoltre, al di là del fatto che il soggetto evaso è venuto meno all’impegno di fiducia a cui era tenuto, bisogna anche tener conto della gravità dell’accusa nei suoi confronti, visto che era condannato per omicidio. È vero che i casi di evasioni sono statisticamente molto pochi rispetto alla popolazione carceraria – conclude Beneduci – ma fatti di questo tipo devono comunque far riflettere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jesolo, il sindaco Zoggia schiera i droni contro i venditori abusivi

prev
Articolo Successivo

Marina Berlusconi: “Renzi è il nuovo che arretra. Io in politica? Un domani, chissà”

next