L’indotto di Seat Pagine Gialle perde pezzi. Dal 1 maggio Voice Care, che per Seat gestisce servizi di call center, chiuderà i battenti tra le polemiche: mentre la società accusa l’ex monopolista pubblico degli elenchi telefonici di avere avuto un ruolo “decisivo” nella cessazione delle attività, i 200 dipendenti in procinto di perdere il lavoro annunciano manifestazioni davanti alla sede centrale di Seat a Torino e al Comune del capoluogo piemontese. I numeri della crisi di Seat sono sotto gli occhi di tutti: un bilancio 2013 chiuso con 347,6 milioni di perdite e 1,46 miliardi di debiti, 2,4 miliardi di risarcimento richiesto dai piccoli risparmiatori nei confronti di 17 ex amministratori della società. Seat ha chiesto il concordato preventivo e proposto di saldare solo in parte le spettanze ai creditori. Tra questi, c’è anche Voice Care, società di call center del gruppo Contacta. L’azienda, con sede a Chivasso, in provincia di Torino, gestisce i servizi di assistenza telefonica 12.40 (“Pronto Pagine Bianche”) e 89.24.24 (“Pronto Pagine Gialle”), quest’ultimo reso famoso da una serie di spot con Claudio Bisio. I duecento dipendenti dell’impresa piemontese prima lavoravano direttamente per Seat, che però nel 2010 ha deciso di cedere il ramo d’azienda a Contacta, pur rimanendo l’unico committente, con un contratto in scadenza nel 2015. E proprio Contacta vanta un credito che si aggira intorno ai 2 milioni di euro nei confronti di Seat. Ma il concordato preventivo prevede la restituzione solo del 20% della somma. “A causa di ciò – si legge in una nota dell’azienda – Voice Care si è vista azzerare il proprio patrimonio netto, finendo in posizione negativa per l’ammontare dei crediti commerciali non riscossi”.

E così, il 4 marzo 2014, la società ha comunicato l’avvio delle procedure di messa in liquidazione. Una scelta obbligata, secondo l’azienda: “Prima di giungere a questa conclusione, People Care (azionista al 100% di Voice Care, ndr) ha preso in considerazione tutte le opzioni e le alternative possibili, nessuna delle quali si è rilevata percorribile”. Morale della favola: cessazione dell’attività fissata per il 1 maggio. Ma Seat Pagine Gialle rispedisce al mittente l’accusa di essere la “causa” del dissesto finanziario, sottolineando che lo stralcio concordatario, cioè il debito che non sarà pagato, “vale poco più del 2% dell’intera commessa”. “E’ palese – si legge in un comunicato dell’azienda – come Seat Pagine Gialle non c’entri nulla con la situazione evidenziata da Contacta, cioè di voler chiudere la sede Voice Care di Torino”. E passa al contrattacco: “Tale situazione dipende esclusivamente dalla gestione imprenditoriale di Contacta”.

Tra i due litiganti, chi ci rimette sono i lavoratori. “Il paradosso è che il lavoro non manca, ma sarà affidato ad altri”, spiegano dalla Rsu Uilcom di Voice Care. “Intanto, dal 1 maggio, noi dipendenti ci troveremo in un limbo: senza lavoro, senza stipendio e senza ammortizzatori sociali“. Senza stipendio perché, con l’attività cessata, i dipendenti perderanno il diritto alla retribuzione. Senza ammortizzatori sociali perché, non essendo stati formalmente licenziati, i lavoratori non potranno percepire indennità di mobilità. La società farà richiesta per la cassa integrazione in deroga, ma si dovrà aspettare l’autorizzazione della Regione: un iter che non si preannuncia breve. “Ci vorranno almeno due mesi”, precisano le delegazioni sindacali. Per questo i lavoratori Voice Care, riuniti in assemblea il 23 e 24 aprile, hanno deciso di manifestare. Oltre ai presidi sotto le sedi di Seat e del Comune, è previsto anche un intervento sul palco del Primo maggio a Torino. Ma non ci sarà uno sciopero negli ultimi giorni di lavoro. “Nella condizione in cui siamo – spiegano i dipendenti – non possiamo permetterci di perdere nemmeno un giorno di retribuzione”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Negozi aperti il 25 Aprile, il sindacato sciopera. E i lavoratori?

next
Articolo Successivo

Jobs Act: diamo una mano a Renzi – I

next