Tentato disastro aviatorio, attentato alla sicurezza dei trasporti e porto di armi e oggetti atti a offendere. Con queste accuse è indagato un tifoso toscano di 26 anni.

Durante la partita di calcio LivornoMilan del 7 dicembre scorso, alcuni fasci luminosi si sono alzati dalla curva nord dello stadio “Picchi”, disturbano più volte il volo di un elicottero della polizia che sorvolava la zona. Tanto che il primo pilota ha accusa un abbagliamento della vista ed è stato costretto a cedere i comandi al secondo pilota. 

Le riprese del reparto volo e  quelle delle telecamere a circuito chiuso dello stadio, insieme al lavoro della scientifica e della Digos, hanno permesso alle forze dell’ordine di scoprire l’identità del responsabile: un tifoso amaranto che si sta divertendo con un puntatore laser. L’oggetto, vietato dalla legge, è stato ritrovato in casa dell’uomo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescia, crolla croce dedicata a Papa Wojtyla: muore 20enne

next
Articolo Successivo

Lettera a Tosi contro il ‘divieto’ del cibo ai senzatetto: “Azione razzista e perseguibile”

next