Due marocchini sono stati accoltellati e poi abbandonati in strada, in via Nizza, all’ altezza dell’ospedale Molinette, nella zona sud di Torino. La polizia, intervenuta sul posto, non ha trovato l’arma del delitto e ha iniziato le indagini. I due sono stati trovati ancora vivi dai soccorritori del 118, ma sono morti durante i tentativi di rianimazione.

Le vittime sono state trovate in due punti diversi, uno al numero 179 e l’altro al 183 di via Nizza, nei pressi della stazione Carducci della metropolitana. Al momento non è nota la loro identità. Avevano 54 e 56 anni. Una è stata colpita con quattro fendenti ad addome e torace e l’altra con una coltellata che ha perforato il polmone. Gli omicidi sono avvenuti prima delle 5 e 30, quando una guardia giurata ha dato l’allarme dopo aver visto uno dei due uomini barcollare sanguinante. Uno dei due ha un vecchio precedente per lesioni ma nessuno dei due ha precedenti per spaccio, uno dei possibili moventi preso in esame dagli investigatori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Camorra, catturato Lo Russo boss tifoso a bordo campo del Napoli

prev
Articolo Successivo

Marsala, il Tribunale: “A Brescia curino bimbo con metodo Stamina”

next