Il regista Peter Greenaway nel 1996 diresse il film “I racconti del cuscino” (The pillow book). Ho visionato solo alcuni frame ma sicuramente lo vedrò interamente. La storia è molto curiosa e affascinante. 
Tempo fa, mi chiedevo come mai molte boutique erotiche straniere proponessero bodypaint ai gusti di vaniglia, fragola o cioccolato. Addirittura kit da calligrafi con piuma da intingere nella pittura commestibile all’aroma di caramello. Lo scopo è scrivere poesie sul corpo. Anche semplici frasi, che poi come un mandala spariscono con il tocco delle labbra e con la forza del nostro muscolo più piccolo, ovvero la lingua.
La pelle è il nostro terzo polmone ed è l’organo più esteso del nostro corpo ma io consiglio frasi brevi, nelle zone più sensibili. Volendo si possono decorare i lati della bocca o il dorso delle mani.
 
Esistono diverse definizioni di petting. Quella che mi piace di più è relativa alle effusioni che preparano al coito.
Ci si può accarezzare. Baciare. Leccare. Senza penetrazione. A occhi chiusi.
 
La Pasqua è vicina: prendetevi qualche momento, qualche pausa per assaporare – in tutti sensi – la lentezza. Se rimane del cioccolato, si può fondere e scrivere.
Basta poco. Un haiku, per esempio.
 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Supper club: da New York a Milano e Palermo, la moda dei ristoranti segreti

next
Articolo Successivo

L’orto arriva nello spazio: le verdure in orbita

next