Oltre all’autopsia e agli esami tossicologici, la Procura di Bologna ha deciso di far svolgere una consulenza genetica per approfondire le cause della morte di Saad Hana, 14enne deceduto ieri all’ospedale Maggiore dopo un arresto cardiaco in una scuola di Vergato (Bologna). L’incarico sarà conferito quasi certamente venerdì dal pm Simone Purgato. “Vista l’assoluta eccezionalità del caso, la giovanissima età e l’assenza di patologie – ha spiegato il procuratore aggiunto delegato ai rapporti con la stampa, Valter Giovannini – si è deciso di svolgere accertamenti genetici per comprendere le cause del decesso, anche a tutela dei familiari”. Sulla vicenda è stato aperto un fascicolo con l’ipotesi, meramente tecnica, di omicidio colposo a carico di ignoti. La consulenza genetica sarà affidata alla dott.ssa Susi Pelotti. Il ragazzo, secondo i primi racconti, si trovava in classe con i suoi compagni quando all’improvviso si è sentito male. Dopo l’allarme è stata trasportato in elicottero all’Ospedale Maggiore di Bologna. Italiano con una famiglia di origini marocchine, non soffriva di particolari malattie cardiache. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giochi: il festival a Modena tra Turing e Radio Londra

next
Articolo Successivo

Reggio Emilia. Prestava soldi a tassi del 500%, imprenditore arrestato per usura

next