“Fate qualcosa”. “Grazie del consiglio, ma decidiamo da soli”. “Prego: noi comunque continueremo a dire quello che riteniamo giusto”. E’ questo, volendo tradurre lo scambio in parole semplici, il succo del botta e risposta a distanza tra Christine Lagarde, direttore generale del Fmi, e Mario Draghi, governatore della Bce. Oggetto del contendere sono le azioni che la Banca centrale europea dovrebbe (secondo il Fondo monetario internazionale) mettere in campo per fronteggiare  i potenziali effetti negativi di un basso livello di inflazione e evitare lo spettro della deflazione. Il presidente dell’Eurotower, parlando giovedì scorso a Francoforte dopo la riunione del board che ha lasciato immutati i tassi di interesse dell’Eurozona, aveva (ironicamente) definito “molto generose” le “raccomandazioni” dell’Fmi “su quello che dovremmo e non dovremmo fare”.

“Per questo gli siamo molto riconoscenti”, aveva continuato, facendo capire con chiarezza che l’uscita di Lagarde non è stata per nulla apprezzata e invitandola subito dopo a offrire consigli “anche ad altre banche centrali”, per esempio “rilasciando comunicati il giorno prima di una riunione della Fed“. Ma l’economista francese (che pochi giorni fa ha bacchettato anche l’Italia per i pessimi risultati sul fronte della partecipazione femminile al mondo del lavoro) ha tutt’altro che desistito. Anzi, in un’intervista a Fox News andata in onda oggi ha ribadito con fermezza: “Diciamo quello che abbiamo da dire quando riteniamo che sia appropriato dirlo. Non siamo guidati dall’agenda di altre istituzioni. Riteniamo da tempo che la Bce debba affrontare il rischio di inflazione bassa che stiamo osservando”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bce, un’altra prova di inadeguatezza

prev
Articolo Successivo

La Bce ha voglia di quantitative easing

next