Editoriale di Marco Travaglio, che esordisce citando il caso di Uli Hoeness, presidente del Bayern Monaco, il quale, condannato per frode fiscale, si è scusato in lacrime e si è dimesso: “Al processo, come già era capitato ad altri campioni come Boris Becker e la moglie Steffi Graf, s’è beccato 3 anni e mezzo. Non ha fatto appello, “in linea con la mia idea di decenza, condotta e responsabilità personale”. In Germania si usa così“. Inevitabile la menzione di Silvio Berlusconi: “Mentre Hoeness piangeva e preparava lo spazzolino per la galera, Berlusconi rideva e annunciava: “Sarò lieto di esser capolista alle Europee in tutte le circoscrizioni”. Ecco, lui è lieto. E pazienza se è stato condannato a 4 anni per una frode da 360 milioni, quasi tutti prescritti. Ora attende i servizi sociali. Perchè da noi un evasore non va in galera neppure se insiste e prende a calci il portone: viene respinto dalle leggi fatte per gli evasori, anzi spesso dagli evasori o dai loro avvocati e commercialisti“. Il vicedirettore de Il Fatto Quotidiano spiega: “In Italia i carcerati per reati fiscali sono pochissimi in confronto col resto del mondo. Nelle nostre affollatissime prigioni, i detenuti per crimini economici e fiscali sono 156. In Germania 8.601“. E cita il caso del presidente del Cagliari, Massimo Cellino: “Voleva comprare il Leeds. Evidentemente è debole in geografia e non sa che Leeds è nello Yorkshire, in Inghilterra. Lui credeva fosse in Italia, infatti ci è rimasto male quando la Football League britannica gli ha detto che non può prendere il Leeds perchè ha una condanna in primo grado in Italia per 400 mila euro di imposte evase col suo yacht comprato negli USA”. E commenta: “Nelle carceri USA la metà è dentro per traffico di stupefacenti, l’altra metà sono colletti bianchi. Negli Usa, fra il 2000 e il 2007, gli evasori finiti in carcere sono stati 11.691. I colletti bianchi incarcerati in Italia sono 1/6 degli olandesi,1/10 degli svedesi, inglesi e norvegesi, 1/22 dei turchi. Noi gli evasori non li chiamiamo ladri, ma furbetti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Obama a Roma e l’incontro con Renzi

next
Articolo Successivo

Cesa, il lato oscuro dell’Udc. Soldi e società: tutti i casini del segretario

next