Liste infinite di ingredienti, componenti dai nomi improbabili e formule sospette come “può contenere tracce di”. Leggere (e comprendere) le etichette alimentari al supermercato può diventare un’impresa complessa, soprattutto per chi soffre di intolleranze a determinate sostanze ed ha perciò la necessità di verificarne la presenza in ciò che sta per acquistare. Una problematica su cui c’è sempre maggiore attenzione, come testimonia anche la nascita di ristoranti con menù espressamente dedicati a chi è affetto da queste patologie, che spesso viene affrontata con l’aiuto della tecnologia.

E se già in passato Puntarella Rossa si è occupata dell’app che permette di individuare i locali “gluten free” dove possono mangiare anche i celiaci, ora è disponibile un’ulteriore applicazione che affronta il fenomeno in maniera più approfondita e può essere utilizzata già nel momento in cui si fa la spesa. Si tratta di “Genius Food”, un’app creata da Genius Choice, una startup fondata nell’ottobre del 2013. Il funzionamento è semplicissimo: è sufficiente scaricare l’applicazione (gratuita sia per Android sia per sistemi iOS) e personalizzarla impostando uno dei profili corrispondenti alle intolleranze alimentari più diffuse (glutine, uova, lattosio, arachidi, proteine del latte, crostacei o pesce).

A questo punto basta inquadrare con la fotocamera dello smartphone o del tablet il codice a barre del prodotto che si sta per comprare e una serie di icone intuitive (pollice alzato, pollice verso o a metà) vi indicherà l’assenza o la presenza (in tutto o in tracce) dell’ingrediente pericoloso. Non solo, sullo schermo comparirà anche la lista completa delle componenti del prodotto e le possibili alternative per l’intolleranza specifica impostata (tratta da un database che contiene circa il 70% degli articoli più diffusi nei supermercati nazionali). Un vero assistente alla spesa, quindi, che presto amplierà la sua offerta con la creazione di profili pensati appositamente per vegani e vegetariani.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giochi: divertiamoci pure, ma scherzi (di natura) a parte

prev
Articolo Successivo

Play 2014, oltre l’aspetto ludico c’è tanto altro

next