Scoperta una nuova classe di materiali da ‘Nobel’. Sono una nuova famiglia di quasi-cristalli, i materiali dalla struttura ordinata come quella dei cristalli, ma non simmetrica, resi celebri dal premio Nobel per la chimica di due anni fa assegnato al loro scopritore, Daniel Shechtman. Descritto sulla rivista Nature, il risultato si deve al gruppo coordinato da Alex Kandel dell’università americana di Notre Dame. I nuovi quasi-cristalli sono ottenuti dall’auto-assemblaggio di una piccola molecola, chiamata ferrocene acido carbossilico che dà forma a strutture bidimensionali che somigliano a stelle, pentagoni e rombi.

Come tutti i quasi-cristalli, anche i nuovi materiali hanno la caratteristica di avere una struttura ordinata ma che segue schemi che non si ripetono. Questa struttura conferisce loro molte caratteristiche interessanti: per esempio sono molto robusti, hanno una buona capacità di conduzione e quindi sono efficienti per la trasmissione del calore e dell’elettricità e sono capaci di assorbire meglio le deformazioni rispetto ai materiali cristallini. Per tutte queste proprietà i materiali quasi cristallini hanno molte prospettive di applicazione per una nuova generazione di padelle antiaderenti, di led e motori Diesel.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cuore, scoperta proteina chiave per “riparare” danni dopo un infarto

next
Articolo Successivo

Sla, ricercatori Usa: “Causata anche da un gene mutato”. Ricostruita struttura in 3D

next