Alcol dipendenza servizi per i delinquenti“. E’ questo lo strano servizio offerto dal sito del ministero della Salute, nella pagina (DOVESALUTE.GOV.IT) dedicata alle informazioni sulle attività svolte dalle strutture sanitarie, città per città. Basta digitare la parole “serv” nel motore di ricerca ed è questo il primo, di una lunga serie, di servizi che spunta fuori. Non viene specificato meglio, però, il perché di questa associazione e a chi è rivolto “l’aiuto”. Se proseguiamo nella nostra ricerca, e digitiamo il nome della città dove vorremmo trovare una struttura che venga incontro alle nostre esigenze – ad esempio Roma o Milano – spunta una lista di strutture. A Milano viene indicata l’associazione “La Nostra Famiglia“, a Bosisio Parini (Lecco), dell’Istituto Scientifico “Eugenio Medea”. Che – come descrive la scheda – si occupa “degli aspetti di carattere sociale inerenti la riabilitazione”. A scovare l’impropria dicitura del servizio è stato il professor Riccardo Gatti, direttore del dipartimento Dipendenze dell’Asl  di Milano che ha pubblicato sul suo profilo Twitter la foto che prova l’esistenza di questa assistenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brescia, senza lavoro da anni si impicca. “Comune non ha risorse per aiuti”

prev
Articolo Successivo

Caso Stamina, ecco le mail tra il ministero e i pazienti. Primi contatti nel 2011

next