Il giudice per le indagini preliminari ha disposto gli arresti domiciliari per l’ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana, Antonio Saggese, coinvolto nell’inchiesta della Procura di Roma su un presunto giro di tangenti, e per questo dimessosi dall’Agenzia. Tentata concussione, questo il reato contestato al manager dai pm Paolo Ielo e Mario Palazzi.

La misura cautelare, emessa dal gip Carmine Castaldo, è stata notifica dagli uomini del Nucleo investigativo dei carabinieri di Roma e dai colleghi del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza. L’iniziativa della Procura fa seguito a una serie di perquisizioni eseguite recentemente presso alcuni uffici dell’Agenzia spaziale italiana, nella sede di Tor Vergata e in alcune società fornitrici dello stesso ente.

Minacce a un dirigente dell’Asi per spingerlo a non denunciare irregolarità. E’ questa l’accusa contestata a Saggese. Secondo i pm, l’ex numero uno dell’Asi avrebbe minacciato Roberto Borsa – responsabile dei rapporti istituzionali dell’agenzia – di “compromettere – è scritto nell’ordinanza di custodia cautelare – il suo futuro professionale” se avesse denunciato che alcune fatture delle società erano false. Le fatture riguardavano le ditte fornitrici di Asi, la Sistina Travel, con sede a Roma, e la Get-It (Torino). Per il gip Castaldo il tentativo di costringere Borsa a non denunciare, pena l’isolamento e la soppressione della struttura da lui gestita, come poi avvenuto a cominciare dal settembre 2013, rappresenta “un fatto dai contorni della tipica punta dell’iceberg – si legge nell’ordinanza – suscettibile di ulteriori sviluppi che impone di fronteggiare l’elevato pericolo di recidiva”.

Per gli inquirenti, i riscontri alle accuse sono costituiti anche da una serie di testimonianze raccolte riguardanti le minacce di Saggese. “Tu per me sei morto”, a livello professionale, è una di quelle citate nella richiesta di emissione dell’ordinanza firmata dal pm Ielo e Palazzi. L’inchiesta sul presunto giro di tangenti legato ad appalti Asi è stata avviata proprio dalla denuncia di Borsa. Almeno sette, per il momento, gli indagati e tra loro anche due collaboratori dell’ex presidente, Francesca e Mario Giacomo Sette, dipendenti di Finmeccanica distaccati presso l’Asi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caso escort, insabbiò inchiesta su Tarantini ex procuratore Laudati a processo

next
Articolo Successivo

Morto Antonio Pizzi, il Pg di Bari che indagò su P2 e Bestie di Satana

next