Vodka killer in Russia. Il 25% degli uomini russi muore prima di compiere 55 anni e la principale causa del decesso è l’abuso della bevanda alcolica. È quanto emerge da un nuovo studio i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica The Lancet, per il quale i ricercatori hanno seguito 151mila uomini adulti nelle città di Barnaul, Byisk e Tomsk dal 1999 al 2010.

Nel Regno Unito la percentuale degli uomini che non arrivano ai 55 anni è pari a 7%, mentre negli Stati Uniti è inferiore all’1%. Gli uomini coinvolti hanno raccontato agli autori dello studio delle proprie abitudini relative al consumo di vodka. Ottomila di loro sono morti durante il periodo della ricerca e le cause del decesso sono state monitorate dagli scienziati. Il rischio di morire prima di compiere 55 anni per chi beve tre o più bottiglie di vodka da mezzo litro alla settimana è del 35%, hanno rivelato i ricercatori.

L’aspettativa di vita per gli uomini in Russia è di 64 anni, tra le più basse nel mondo. Non è chiaro quanti russi bevano tre o più bottiglie di vodka alla settimana. Uno degli autori della ricerca, sir Richard Peto dell’Università di Oxford, ha fatto sapere che un uomo russo beve in media 20 litri di vodka all’anno, mentre un britannico consuma in media circa 3 litri di superalcolici. 

“I russi chiaramente bevono molto, ma la cosa davvero pericolosa è questo modello di ubriacarsi tanto e poi continuare a bere”, ha spiegato Peto. “Il tasso degli uomini che muoiono prematuramente in Russia – ha affermato – non è per niente allineato con il resto dell’Europa. Anche in Finlanda e in Polonia c’è una cultura di bere pesantemente, ma lì non c’è comunque nulla di simile al rischio di morire che c’è in Russia”. Peto ha spiegato infine che alcune prove indicano che ci sia un effetto simile sulle donne russe che bevono molto, ma non ci sono abbastanza informazioni per formulare una tesi più ampia.

L’articolo su The Lancet

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uomo di Neanderthal, i suoi geni sono ancora attivi nel nostro Dna

next
Articolo Successivo

Dai vetrini intelligenti all’analisi del Dna: la nanomedicina nella lotta contro i tumori

next