Licenziamento collettivo per 20 giornalisti e 3 poligrafici: questo l’annuncio dell’agenzia di stampa Adnkronos. L’assemblea dei lavoratori, con un documento approvato all’unanimità dai giornalisti (con una sola astensione) e dai poligrafici, ha risposto con cinque giorni di sciopero, i primi due da attuare domani e dopodomani. “Respingiamo con forza la comunicazione dell’azienda che intenderebbe attivare una procedura di licenziamento collettivo per 23 unità (20 giornalisti e 3 poligrafici)”, ha detto l’assemblea dell’Agenzia, confermando inoltre lo stato di agitazione deciso a dicembre, annunciando anche la sospensione delle prestazioni lavorative domenicali. Allo sciopero, pur non essendo interessate dalla procedura di licenziamento, aderiscono anche, in segno di solidarietà, le redazioni di Adnkronos Salute, Aki-Adnkronos International (redazioni italiana ed araba) e Labitalia, che si asterranno dal lavoro nella giornata di venerdì 24 gennaio. 

Il sindacato di categoria parla di “un intollerabile atto ritorsivo, illegittimo e fuori da ogni regola che disciplini qualsiasi rapporto di lavoro”. “Ferma restando ogni azione di tutela in ogni sede a garanzia dei colleghi e della condizione di esercizio della professione secondo i canoni dell’autonomia fissata dall’ordinamento, Fnsi e Associazione della Stampa Romana denunciano la gravità del comportamento dell’editore e chiedono, sin d’ora, al governo di monitorare rapidamente la situazione intervenendo secondo le sue competenze, anche in ragione dei rapporti pubblici esistenti. Si chiede, inoltre, alla Fieg di fare la sua parte di garante degli accordi pattizi sul lavoro giornalistico e di concorrere a riportare le vicende, che oggi generano uno scontro senza precedenti, sul tavolo delle corrette relazioni sindacali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

#Coglioneno: quelli che giocano con la dignità degli altri

prev
Articolo Successivo

Trieste, gli operai occupano la Ferriera contro la cassaintegrazione

next