Il reato di clandestinità verrà trasformato da reato penale a illecito amministrativo. L’Aula del Senato approva la proposta di mediazione messa a punto dal governo sull’immigrazione clandestina. Si abroga il reato ma si conserva il “rilievo penale delle condotte di violazione dei provvedimenti amministrativi adottati in materia”. Passa con 182 si, 16 no 7 astenuti. Alla fine, dopo le numerose polemiche dei giorni scorsi, il governo presenta un proprio testo, un nodo contenuto nel ddl sulle pene alternative al carcere e sulla messa in prova in discussione al Senato. “Da un lato il reato viene abrogato – spiega in Aula il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri – dall’altro viene trasformato in illecito amministrativo. Ciò significa “che chi per la prima volta” entra clandestinamente nel nostro Paese “non verrà sottoposto a procedimento penale, ma verrà espulso”. Ma, se rientrasse, a quel punto “commetterebbe reato“. “Nessun passo indietro”, assicura Ferri in Aula, il governo ha semplicemente “voluto specificare espressamente quanto già contenuto nella norma”.

Il Senato respinge inoltre l’emendamento con cui la Lega Nord mirava a cancellare, la norma con cui si abroga il reato. All’emendamento del Carroccio il relatore del provvedimento, Felice Casson (Pd), aveva vincolato il proprio parere al testo del governo. Alta la tensione, ma la modifica non è stata accettata e anche il tentativo di procedere con la consultazione segreta è stato subito accantonato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale, gli errori di Renzi e gli inchini della stampa

prev
Articolo Successivo

Legge elettorale, sinistra Pd: “Alla Camera volontà trasversale contro listini”

next