”Non credo che la marijuana sia più pericolosa dell’alcool, in termini d’impatto per l’individuo consumatore”. Lo ha detto Barack Obama in una lunga intervista pubblicata dal NewYorker, che mette insieme confidenze del presidente al direttore lungo i mesi scorsi. “Ciò non vuol dire che io incoraggi questa abitudine”, ha proseguito il presidente degli Stati Uniti. “Ho detto alle mie figlie che è una cattiva idea, uno spreco di tempo e per nulla salutare”.

Obama ha quindi affermato di puntare a leggi che trattino i consumatori in modo più equo: “Non possiamo mettere in galera dei ragazzi quando probabilmente chi ha scritto quella legge per cui sono in arresto ha fatto la stessa cosa”. Infine, secondo Obama “i ragazzi del ceto medio non vanno in galera per droga, ci vanno quelli più poveri, che spesso sono afro-americani e latini e hanno meno risorse per evitare di essere puniti”. Da tempo il Dipartimento di Giustizia ha avanzato proposte di riduzione di pena per consumatori di droga leggera.

Ma Obama parla anche del suo mandato che scade tra due anni, spiegando che è sull’economia che vorrebbe essere giudicato: “Misurerò me stesso e la fine della mia presidenza in larga parte sul fatto se sia riuscito a iniziare il processo di ricostruzione della classe media e di accesso di classi subalterne al benessere, invertendo la tendenza verso la disuguaglianza economica presente in questa società”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, comune “adotta” la democrazia diretta: “Ora cittadini al governo”

next
Articolo Successivo

Egitto e nuova Costituzione, i passi in avanti sui diritti umani

next