E’ scomparso Roberto Zelioli, 52 anni, assessore all’urbanistica nella Giunta municipale di Albinea, in provincia di Reggio Emilia: di lui non si hanno notizie dallo scorso 30 dicembre, l’ultima volta che è stato visto dai familiari. Al lavoro invece non è presente dal 28 dicembre. Il cellulare di Zelioli è stato trovato in casa, mentre l’auto, in un primo tempo scomparsa insieme al proprietario, è stata ritrovata oggi vicino alla stazione di Reggio.

Zelioli è proprietario dal 2006 della Kikloi, azienda di comunicazione detentrice del marchio Pressline. La ditta realizza una attività specializzata di produzione di rassegne stampa per gli enti pubblici. A quanto si apprende, negli ultimi mesi l’azienda aveva attraversato una difficile situazione finanziaria.

“Nessuna precedente azione dell’Assessore Zelioli – si legge in una nota del comune di Albinea – ha mai lasciato intendere o sospettare alcunché rispetto all’accaduto. In questi giorni il vice sindaco Luca Poletti ha collaborato con le forze dell’ ordine fornendo le informazioni in suo possesso”. Zelioli è molto conosciuto a Reggio per essere stato segretario della Federazione dei giovani comunisti negli anni ’80 e in seguito fu consigliere Pds a Reggio Emilia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bologna, stagione lirica al via tra proteste e volantinaggi. Cua: “Prezzi inaccessibili”

prev
Articolo Successivo

Morto Paolo Onofri, il padre del piccolo Tommy. Era in ospedale dal 2008

next