Aveva partorito una bimba, ma nell’ospedale in cui la donna aveva dato alla luce la figlia le hanno dato un maschietto. E’ successo a Galatina, in provincia di Lecce. Se ne sono accorti mamma e papà, appena tornati a casa, durante il cambio del pannolino. Il neonato consegnatogli dall’ospedale non era di sesso femminile, come quello partorito dalla donna, ma maschio. Così la coppia di Monteroni, comune a pochi chilometri dal capoluogo salentino, è tornata all’ospedale ‘Santa Caterina Novella‘ di Galatina e ha potuto riabbracciare la propria figlia, riconsegnando il piccolo alla sua vera mamma che era ancora ricoverata. La vicenda, risalente agli inizi di dicembre, viene raccontata oggi dal Nuovo Quotidiano di Puglia di Lecce. La coppia, racconta ancora il quotidiano, ha chiesto “50 mila euro di danni”, anche perchè, come si riferisce nell’articolo, il trauma subito “ha avuto come conseguenza immediata per la mamma la perdita delle capacità di allattare”. La neonata era stata affidata erroneamente alla madre del piccolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Aquila, leader commercianti minaccia di darsi fuoco in Bankitalia. Poi rinuncia

next
Articolo Successivo

La lettera dell’imprenditore arrestato: “La ‘ndrangheta come scelta di vita”

next