Andrà in pensione il prossimo 28 dicembre, dopo una lunga e onorata carriera, ma già pensa al suo nuovo lavoro: la lotta alle agromafie. Gian Carlo Caselli, procuratore capo di Torino, andrà a dirigere l’osservatorio contro le agromafie di Coldiretti. A rivelarlo è stato lo stesso magistrato a margine di un incontro con i ragazzi dell’associazione Libera. Nei giorni scorsi il magistrato, che guidò anche la Procura di Palermo (1993-1999) e indagò sull’ex presidente del Consiglio Giulio Andreotti, aveva annunciato l’addio alla toga.

“Ho già avuto una offerta di lavoro molto interessante che accetterò”, ha svelato Caselli a proposito del suo nuovo incarico in Coldiretti. “Lavorerò – ha spiegato – perché i prodotti italiani continuino ad avere quel prestigio che è loro riconosciuto nel mondo, assicurando che non ci siano turbative e inserimenti del crimine organizzato“.

Un bell’impegno, anche se d’ora in avanti Caselli promette di dedicare un po’ di tempo anche alle “150 mila cose che non sono mai riuscito a fare”. Hobby compresi, a cominciare dal Torino Football Club, “la mia passione sfrenata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ingroia e il Principe della città

next
Articolo Successivo

Comune di Roma, ‘multe a ostacoli’

next