L’eurodeputato Matteo Salvini, vicesegretario della Lega Nord, ha partecipato ieri sera ad un incontro col filosofo Alain De Benoist, tra i teorici della Nuova destra francese e grande oppositore in Europa alla moneta unica. Presente anche lo scrittore Marco Della Luna. All’incontro, organizzato dall’associazione politica “Il Talebano”, erano presenti molti esponenti della destra milanese. Tra il pubblico anche il segretario milanese di Forza Nuova, Marco  Mantovani. “Se per portare avanti certi temi a cui tengo – ha detto Salvini – come un’idea diversa di Europa, devo ragionare con la destra, ci ragiono volentieri”. Con queste simpatie “destrorse” e una forte idea anti-euro Matteo Salvini guarda al prossimo congresso della Lega Nord, in programma per il 15 dicembre a Torino. Qui dovrebbe essere scelto il nuovo segretario e in molti fanno il suo nome. “Magari non sarò bello, simpatico e sorridente con Renzi – ha detto Salvini –, ma io ho chiaro che il futuro segretario della Lega dovrà essere un ‘segretario condiviso’, che decide ma non da solo, perché di ‘Umberto Bossi’ non ne nascono più”  di Fabio Abati
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale, Consulta rinvia. Grasso: “Senza accordo è rabbia anti-partiti”

prev
Articolo Successivo

La vignetta del giorno: Uscire dall’euro

next