Eni fa cassa in Russia. Il gruppo petrolifero italiano ha firmato a Mosca l’accordo per la cessione del 60% della società Arctic Russia (che detiene il 49% di Severenergia) a Yamal Development, società controllata pariteticamente da Novatek e GazpromNeft. La vendita frutterà al cane a sei zampe 2,94 miliardi di dollari. Severenergia è titolare di quattro licenze di esplorazione e produzione di idrocarburi nella regione dello Yamal Nenets, nella Russia settentrionale. L’operazione è subordinata all’ottenimento delle autorizzazioni di prassi.

A seguito della conclusione dell’operazione, Eni non deterrà più alcuna partecipazione in Severenergia. “Con questa vendita – si legge in una nota del gruppo – Eni monetizza l’investimento, giunto ad un elevato livello di maturità, nell’upstream siberiano russo, coerentemente con gli obiettivi di creazione di valore per i propri azionisti. Eni manterrà una presenza significativa e forti relazioni con la Russia, sia in termini commerciali che strategici”. Eni è il maggiore acquirente di gas da Gazprom e uno dei maggiori acquirenti di greggio da Rosneft. Ha inoltre una joint venture con Rosneft per l’esplorazione congiunta di asset esplorativi nel Mar Nero e nel Mare di Barents, ed è partner di Gazprom nel progetto South Stream che, una volta completato, trasporterà 63 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Trasporti, il traffico aereo torna a calare. Codacons: “Colpa dei prezzi troppo alti”

next
Articolo Successivo

Rifiuti, Legambiente: “Serve nuovo sistema di incentivi e disincentivi”

next