“Un’Italia giovane e sicura. L’Ulivo. Il voto che unisce’. E’ uno dei manifesti, datati 1996, che contrassegnarono la campagna elettorale di Romano Prodi. E che da domenica 18 novembre sono ricomparsi a Bologna, in alcune zone della città. Cartelloni di grandi dimensioni, che riproducono quelli di 17 anni fa, con la precisazione che risalgono all’anno 1996.

L’iniziativa (con la quale il Partito democratico locale pare non avere nessun rapporto) ha interrogato e fatto discutere, soprattutto in relazione alla coincidenza con la fase congressuale del Pd, a poche settimane dalle primarie. La prima segnalazione è arrivata dal Resto del Carlino, che ne ha dato notizia, e che ha ipotizzato che si trattasse di un’iniziativa legata ai sostenitori di Pippo Civati. Una supposizione che non ha trovato nessuna conferma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia in Romagna, sequestrato hotel Mutacita: “Monitorare cambi di gestione”

next
Articolo Successivo

Grattacielo di Milano Marittima, M5S: “Ecomostro irregolare. Sfrattati i salinari”

next