Una raccolta firme per chiedere ai parlamentari del Partito Democratico di impegnarsi affinché il ministro Annamaria Cancellieri, coinvolta nella scarcerazione di Giulia Ligresti, si dimetta. L’appello è stato lanciato dal sito internet della rivista MicroMega diretta da Paolo Flores d’Arcais. “Il ministro Cancellieri ha mentito al Parlamento e ha detto il falso come testimone di fronte al pubblico ministero. Deve dimettersi. Per porre fine a una situazione indecente, chiediamo perciò ai parlamentari del Partito democratico di unire i loro voti a quelli dei deputati del Movimento 5 Stelle nella seduta della Camera di mercoledì 20 novembre che dovrà approvare o respingere la mozione di sfiducia verso il ministro”. L’appello si può sottoscrivere on line, nella home di MicroMega: “Decidi anche tu le dimissioni del ministro Cancellieri”. L’intento è quello di spronare i democratici a seguire i parlamentari del Movimento 5 Stelle e sostenerne la mozione. Ma dal Pd a oggi sono poche le voci che si sono levate per criticare il coinvolgimento del guardasigilli nella vicenda Ligresti.

da Il Fatto Quotidiano del 17 novembre 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Forza Italia, Bondi: “Faremo opposizione. Gli scissionisti sono cinici”

prev
Articolo Successivo

Nuovo Centrodestra, Letta: “Aiuterà la stabilità. Renzi è dalla nostra parte”

next