Beppe Grillo propone di rinegoziare il debito con Bruxelles, tassare maggiormente i consumi per togliere le imposte sul lavoro e non i lavoratori. E, qualora la situazione lo richieda, il leader del M5S auspica di considerare di dividere la moneta unica in due categorie: un Euro di serie A e uno di Serie B: “Togli il lavoro nero, i commercialisti, la finanza. Lo Stato può guarda chiunque non paga l’Iva. Bisogna andare a Bruxelles e dire non ci stiamo più”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Fassina: “L’epicentro del conflitto è Bruxelles e non Roma”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Bechis: “La retorica di Monti”

next