Torna la pace tra il Presidente del Consiglio e il viceministro dell’Economia Stefano Fassina che solo poche ore prima aveva minacciato le dimissioni. L’incontro chiarificatore è avvenuto a sorpresa nel pomeriggio, nonostante fosse già stato fissato per lunedì prossimo. Secondo fonti di Palazzo Chigi, Letta ha commentato così la lunga chiacchierata: “L’incontro è stato positivo. Ora avanti pancia a terra. Abbiamo ragionato su come superare i problemi che Fassina ha posto”.

L’accusa del viceministro era stata quella di una “mancanza di collegialità” nell’elaborazione del disegno di legge. Letta e Fassina, riferiscono fonti di Palazzo Chigi, hanno esaminato il complesso della situazione e hanno parlato di come gestire il passaggio della legge di stabilità in Parlamento, sia per quanto riguarda il confronto con le parti sociali sia per quanto riguarda il confronto con le forze parlamentari. I due hanno parlato dei problemi di collegialità che Fassina ha posto nei giorni scorsi. Il confronto, stando ancora a quanto riferiscono le fonti, e’ stato positivo. La volontà è ora di mettersi al lavoro per varare la legge di stabilità migliore possibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quando giornali e politici strisciavano ai piedi di Monti

prev
Articolo Successivo

Regione Sicilia, stipendio a rischio per gli eletti Pdl che non pagano tfr a dipendenti

next