Una vita spesa nell’industria dell’information technology. Marco Zamperini, uno dei principali esperti di internet in Italia, è morto nella notte a Milano, all’età di 50 anni. Conosciuto come “funky professor“, il suo ultimo incarico era stato in qualità di Chief innovation officer di Ntt Data Europe. Prima era stato Chief technology officer e direttore marketing e comunicazione di Etnoteam e, più avanti, Chief innovation officer e Chief technology officer in Value Team. Il decesso è stato probabilmente causato da un infarto.

Laureato in statistica all’Università Statale di Milano, Zamperini aveva cominciato la sua carriera lavorando come consulente indipendente nell’ambito di progetti di sviluppo software per grandi industrie italiane. Nel 1990 era approdato in Etnoteam, realtà storica dell’Ict italiano, dove si occupava di dirigere la realizzazione di soluzioni rivolte ai mercati della grande industria, della distribuzione organizzata, della logistica e degli operatori di telecomunicazioni. Dopo una lunga serie di incarichi ricoperti all’interno dell’azienda, quando nel 2007 Euroteam è stata acquisita da Value Team, Zamperini è stato nominato vicepresidente e Cto della società. Tra 2011 e 2012, era stato anche professore all’università Iulm di Milano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google vs Bing la privacy è un terreno di scontro

prev
Articolo Successivo

Facebook e il colpaccio di Onavo

next