La condizione di vita nelle carceri italiane è incivile e indegna di un Paese democratico. Ma l’indulto e l’amnistia non risolvono il problema, come già dimostrato da precedenti anche recenti. Per fare uscire migliaia di detenuti basterebbe abrogare la legge Bossi-Fini e la legge Fini-Giovanardi”: è quanto sostiene un appello pubblicato su MicroMega.net  a firma di Andrea Camilleri, Roberta De Monticelli, Paolo Flores d’Arcais, Barbara Spinelli.

“Indulto e amnistia che il presidente Napolitano chiede in toni ultimativi al Parlamento – affermano nell’appello – non risolverebbe nessun problema strutturale e avrebbe come unici effetti più rilevanti quelli di fornire un salvacondotto tombale a Berlusconi, di delegittimare il lavoro della magistratura di contrasto al crimine, di umiliare le vittime e i loro parenti. Per questo diciamo ‘no’ a indulto e amnistia. E qualora il Parlamento lo volesse comunque votare, per evitare ogni sospetto di ricatto, chiediamo che siano esclusi tutti i reati per cui è condannato, imputato o indagato Silvio Berlusconi (gli stessi che coinvolgono sciami di parlamentari, amministratori locali, manager e altri “potenti”). Ci rivolgiamo a tutti i cittadini, democratici e autenticamente garantisti”.

da Il Fatto Quotidiano dell’11 ottobre 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fonsai, procura Torino chiede giudizio immediato per i Ligresti e i manager

next
Articolo Successivo

Unipol-Fonsai, la riunione misteriosa con “l’uomo Consob” e il benestare di Vegas

next