La condizione di vita nelle carceri italiane è incivile e indegna di un Paese democratico. Ma l’indulto e l’amnistia non risolvono il problema, come già dimostrato da precedenti anche recenti. Per fare uscire migliaia di detenuti basterebbe abrogare la legge Bossi-Fini e la legge Fini-Giovanardi”: è quanto sostiene un appello pubblicato su MicroMega.net  a firma di Andrea Camilleri, Roberta De Monticelli, Paolo Flores d’Arcais, Barbara Spinelli.

“Indulto e amnistia che il presidente Napolitano chiede in toni ultimativi al Parlamento – affermano nell’appello – non risolverebbe nessun problema strutturale e avrebbe come unici effetti più rilevanti quelli di fornire un salvacondotto tombale a Berlusconi, di delegittimare il lavoro della magistratura di contrasto al crimine, di umiliare le vittime e i loro parenti. Per questo diciamo ‘no’ a indulto e amnistia. E qualora il Parlamento lo volesse comunque votare, per evitare ogni sospetto di ricatto, chiediamo che siano esclusi tutti i reati per cui è condannato, imputato o indagato Silvio Berlusconi (gli stessi che coinvolgono sciami di parlamentari, amministratori locali, manager e altri “potenti”). Ci rivolgiamo a tutti i cittadini, democratici e autenticamente garantisti”.

da Il Fatto Quotidiano dell’11 ottobre 2013

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fonsai, procura Torino chiede giudizio immediato per i Ligresti e i manager

next
Articolo Successivo

Unipol-Fonsai, la riunione misteriosa con “l’uomo Consob” e il benestare di Vegas

next