“Quel giorno in cui si doveva votare in Parlamento sulla parentela tra Ruby e Mubarak ho votato, come ha voluto il mio partito (Pdl, ndr). Mi sono poi molto vergognato di questa cosa“. Sono le parole di Gaetano Pecorella, ex parlamentare del Pdl ed ex difensore di Silvio Berlusconi. Ospite di Alessandro Milan nella sua nuova trasmissione “Funamboli”, in onda ogni lunedì alle 21.10 su 7Gold, l’avvocato spiega: “Ho sempre fatto questa scelta: finché sto in un partito, voto come vuole il mio partito. Ma quel giorno ho votato e me ne sono andato. Pochi giorni dopo sono passato al Gruppo Misto“. E aggiunge: “Alla parentela tra Ruby e Mubarak nessuno ci credeva. Era talmente grottesca la cosa. Era solo un modo per bloccare l’attività della magistratura ordinaria sperando di passare dal tribunale dei ministri. Ma ovviamente non era pensabile”. Pecorella, che è stato difensore di Emilio Fede nel processo Ruby bis, afferma anche che c’erano testimonianze molto pesanti sul fatto che non fossero cene eleganti. E, come svelato già a “La Zanzara”, su Radio24, ribadisce: “Fede non mi ha mai pagato una lira

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi: “Comprendo i rischi, ma ho scelto di porre fine al governo Letta”

next
Articolo Successivo

M5S, caro Di Battista ti scrivo (anzi ti rispondo)

next