Finora non c’è ancora certezza che i famigliari di Russel Rebello e Maria Grazia Trecarichi possano avere a breve notizie sui corpi dei due dispersi nel naufragio della Costa Concordia. Anzi, dalle prime indiscrezioni sembra che i resti ossei ritrovati ieri sul fondale del Giglio nei pressi del relitto della nave siano di origine animale, quindi è da escludere che siano delle due persone ancora disperse. La conferma ufficiale ancora non c’è, ma è quanto apprendono da fonti investigative l’Adnkronos e il Tg5. Le analisi sui frammenti ossei sono in corso presso l’ospedale di Grosseto. E’ quanto sottolinea la Protezione civile, spiegando che la procura non ha ancora nemmeno affidato l’incarico e che in ogni caso ci vogliono alcuni giorni per giungere a conclusioni fondate.

Però esperti e medici legali si sono scambiati naturalmente prime impressioni, tra loro peraltro discordanti, e si attende l’esito delle analisi. Intanto la Protezione civile aveva invitato “a prestare la necessaria cautela” sulla questione e di “attendere pazientemente” i risultati degli esami “al fine di non creare infondate attese“. Il dicastero ha diffuso un comunicato in merito ai resti ritrovati dai sommozzatori precisando che “non è possibile ancora dire né se questi siano di origine umana, né, tantomeno, riferirli a qualcuno in particolare”.  L’importante è “non creare infondate attese”, sottolinea la Protezione civile. Anche per rispetto dei familiari dei due dispersi. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

No Tav, Alberto Perino indagato per istigazione a delinquere da Procura Torino

prev
Articolo Successivo

Appalti G8, a processo ex capo protezione civile Bertolaso, Anemone e Balducci

next