Un progetto sperimentale di consulenza fiscale e tributaria offerta gratuitamente a tutti coloro che hanno pendenze e problemi con il fisco, con il fine ultimo di evitare gesti estremi da parte di lavoratori e imprenditori stritolati dalla crisi. L’iniziativa, annunciata all’agenzia di stampa Adnkronos da Elisabetta Bianchi del Movimento anti-Equitalia, che fu tra le organizzatrici della “marcia delle vedove bianche” le donne che hanno perso i propri mariti, suicidatisi a causa della crisi, partirà giovedì prossimo con uno sportello aperto dalle 15.30 alle 17.30 presso la sede dell’agenzia di infortunistica Taddia, in via Massarenti 180, sotto le Due Torri di Bologna.

“Vogliamo dare una mano concreta, con consulenze specializzate sui rischi di usura, sulle rateizzazioni e sulle soglie dell’aggio, per tutti coloro che entrano o escono dagli uffici di Equitalia – spiega Bianchi – per sostenere quanti vivono situazioni di difficoltà economiche e speriamo che possano così buttare via la corda e l’accendino”. In pratica, uno sportello di consulenza, sottolinea Bianchi, “offerta gratuitamente in un clima di umanità e amore, perché riteniamo che non ci siano strutture di questo tipo”. Intanto, riprenderà nei prossimi giorni anche la raccolta firme che Bianchi aveva avviato prima dell’estate davanti alla sede di Equitalia a Bologna, sotto lo slogan ‘I vampiri uccidono’. “Non si può fare finta di niente” conclude Bianchi che ha già raccolto 1.900 sottoscrizioni. Al termine della raccolta, la petizione ‘anti-Equitalia’ sarà consegnata al Governo e alla Corte dei Conti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore