melanzane-fabio-picchiScamerita, o melanzane, al modo dello Sichuan, toscanizzate. Per due persone.
Tagliate in lunghe listarelline larghe mezzo centimetro due fette di scamerita e affettate grossolanamente una cipolla bianca. Se possedete un wok tanto meglio, anche se va benissimo un padellino di alluminio o di rame. Surriscaldateli e risaltateci rapidamente dentro prima le striscioline di maiale fino al primo colore brunito, dopodiché aggiungete le cipolle che continuerete a saltare velocemente. Sporcate, spegnendo il fuoco dopo qualche minuto, con due cucchiai d’olivo extra, due cucchiai di soia di buona qualità (che si trova facilmente nei negozi specializzati), due cucchiaini di aceto bianco e sfumate il tutto per pochi secondi. Dopo di che chiuderete la preparazione amalgamandoci dentro un quarto di un cucchiaino di cumino macinato finissimo, o se volete la stessa dose di un buon curry.

Un riso basmati pilaf, se vorrete, potrà accompagnare questa deliziosa pietanza. Se vegetariani, o golosi di qualsiasi variante, sostituite il maiale con strisce di melanzane tagliate della stessa misura e che cuocerete per pochi minuti lasciandole turgide. Anche questa versione mi piace da morire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

MasterChef Usa: la vittoria è dell’italiano Luca Manfè

prev
Articolo Successivo

Street Food Village ad Arezzo: tre giorni di tacos, paella e lampredotto

next