Due anni e otto mesi di reclusione e 20mila euro di multa. E’ la pena patteggiata da Giulia Ligresti nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione di Fondiaria Sai, accolta dal tribunale di Torino. L’udienza si è svolta questa mattina. Presenti il procuratore aggiunto Vittorio Nessi e il sostituto Marco Gianoglio, oltre agli avvocati della donna, che non era in aula. 

E’ stata poi concordata la confisca di polizze assicurative e quote della società Pegaso riconducibili alla Ligresti. L’ammontare non è stato quantificato nel corso dell’udienza, ma secondo fonti vicine all’indagine è nell’ordine di alcuni milioni. In seguito si potranno discutere, davanti al tribunale di sorveglianza di Milano, le modalità con cui la pena dovrà essere scontata: per esempio, la detenzione domiciliare o l’affidamento a un lavoro socialmente utile.

Il giudice del tribunale del capoluogo piemontese aveva stabilito il 28 agosto scorso gli arresti domiciliari per la figlia del costruttore siciliano in carcere da luglio, dopo la perizia medica sulle sue condizioni di salute. Il medico legale Roberto Testi nella relazione consegnata ai pm torinesi che lo avevano incaricato di valutare le sue condizioni di salute e la loro compatibilità col regime carcerario, aveva certificato l’incompatibilità della Ligresti con le misure cautelari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi, dalla grazia alla cella il gioco dell’oca dell’ex Cavaliere

prev
Articolo Successivo

Cucchi, le motivazioni della sentenza: “Morì per malnutrizione”

next