L’errore a monte di tutte le difficoltà attuali dell’eurozona è stato “far entrare la Grecia nella moneta unica”. Ad affermarlo è stato il cancelliere tedesco Angela Merkel, in occasione di un incontro elettorale a Rendesburg, nel Land dello Schleswig-Holstein. “Il cancelliere Schroeder ha accolto la Grecia e ha allentato il patto di stabilità. Entrambe le cose erano fondamentalmente sbagliate e tra le cause delle nostre difficoltà attuali”, ha detto.

A riportare le dichiarazioni è stato il sito della Frankfurter Allgemeine Zeitung, secondo il quale la cancelliera avrebbe anche aggiunto che la crisi è cresciuta “lungo molti anni”, e per questo “non può essere superata in una notte”.  

E così, dopo aver a lungo cercato di evitare il problema greco nel corso della sua campagna elettorale che è ormai entrata nel vivo, la Merkel sembra aver trovato la chiave di volta per affrontarlo senza il rischio di perdere troppa quota: imputare al governo guidato da Gerard Schroeder la responsabilità della crisi europea, tema particolarmente caro all’elettorato tedesco.

Una strategia di comunicazione che, quindi, sembra puntare contemporaneamente a superare l’imbarazzo dei nuovi aiuti necessari ad Atene ormai innegabili e a minare la credibilità dei rivali socialdemocratici, che sfidano la cancelliera uscente candidando Peer Steinbruck, ex ministro delle finanze proprio della Merkel tra il 2005 e il 2009.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, la crisi arriva nei supermercati: cibo a metà prezzo ma già scaduto

next
Articolo Successivo

Grecia, privatizzazioni a rilento. E l’ente nazionale finisce in mani straniere

next