L’errore a monte di tutte le difficoltà attuali dell’eurozona è stato “far entrare la Grecia nella moneta unica”. Ad affermarlo è stato il cancelliere tedesco Angela Merkel, in occasione di un incontro elettorale a Rendesburg, nel Land dello Schleswig-Holstein. “Il cancelliere Schroeder ha accolto la Grecia e ha allentato il patto di stabilità. Entrambe le cose erano fondamentalmente sbagliate e tra le cause delle nostre difficoltà attuali”, ha detto.

A riportare le dichiarazioni è stato il sito della Frankfurter Allgemeine Zeitung, secondo il quale la cancelliera avrebbe anche aggiunto che la crisi è cresciuta “lungo molti anni”, e per questo “non può essere superata in una notte”.  

E così, dopo aver a lungo cercato di evitare il problema greco nel corso della sua campagna elettorale che è ormai entrata nel vivo, la Merkel sembra aver trovato la chiave di volta per affrontarlo senza il rischio di perdere troppa quota: imputare al governo guidato da Gerard Schroeder la responsabilità della crisi europea, tema particolarmente caro all’elettorato tedesco.

Una strategia di comunicazione che, quindi, sembra puntare contemporaneamente a superare l’imbarazzo dei nuovi aiuti necessari ad Atene ormai innegabili e a minare la credibilità dei rivali socialdemocratici, che sfidano la cancelliera uscente candidando Peer Steinbruck, ex ministro delle finanze proprio della Merkel tra il 2005 e il 2009.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grecia, la crisi arriva nei supermercati: cibo a metà prezzo ma già scaduto

prev
Articolo Successivo

Grecia, privatizzazioni a rilento. E l’ente nazionale finisce in mani straniere

next