Una “novità decisamente preoccupante” che merita di essere segnalata in una lettera all’ambasciatore degli Stati Uniti. I firmatari sono sette deputati del Partito democratico (Michele Anzaldi, Marina Berlinghieri, Matteo Biffoni, Luigi Bobba, Lorenza Bonaccorsi, Federico Gelli ed Ernesto Magorno), ma l’oggetto della missiva, pubblicata a pagina 25 del Corriere della Sera, è tutt’altro che politico. Infatti, “sarebbe stata abolita la casella della ‘prigione'” nella “nuova versione del gioco Monopoli” (Monopoly nella versione internazionale, ndr) della Hasbro, lo stesso gioco che “da generazioni alfabetizza i giovani sui meccanismi del libero mercato”. L’effetto? Si torna così “ad esaltare la turboeconomia che ha aperto la crisi finanziaria del 2008, con il messaggio diseducativo che, in caso di violazione delle regole, non si viene neanche puniti”.

I deputati ricordano all’ambasciatore che “è tornato d’attualità lo scandalo dei mutui subprime che nel 2008 portò al crollo dei mercati azionari di tutto il mondo” e che il presidente Barack Obama a pochi mesi dal crollo di Wall Street nel 2009 aveva evidenziato la necessità di “nuove regole per la finanza, che correggano l’irresponsabilità sfrenata che ha generato la crisi economica”. E qui arrivano al punto.

“In questi giorni, contraddicendo la chiave etica del Presidente”, proseguono, la Hasbro si accinge a mettere in commercio la nuova versione. Che, oltre all’abolizione della casella ‘prigione’, sostituisce “le tradizionali proprietà immobiliari con pacchetti azionari di grandi multinazionali”. Inoltre, “si passa dall’acquisto di immobili alla speculazione in Borsa“. I parlamentari chiedono dunque all’ambasciatore “se non sia il caso di valutare eventuali provvedimenti della autorità competenti o comunque una posizione critica sul nuovo ‘Monopoli’, gioco distribuito in tutto il mondo e quindi anche in Italia“. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto Marche, scossa di magnitudo 4.4 al Conero. Pochi danni

next
Articolo Successivo

Caso Manca, presunto testimone su Fb: “L’urologo visitò Provenzano. E io c’ero”

next