“Facciamo come in Egitto, segniamo le case dei giudici che tutti sappiano dove vivono”. E ancora: “Al giudice De Pasquale bisogna augurare un brutto vivere, di soffrire”. A scriverlo su Facebook, secondo quanto riporta Repubblica, è Michele Perini, presidente di Fiera Milano (leggi).

I due commenti compaiono sulla pagina del social network del consigliere regionale del Pdl Giulio Gallera (leggi) che in uno status scrive: “Vergogna! I giudici di Cassazione emettano la sentenza giusto in tempo per l’apertura dei telegiornali. E condannano Berlusconi (…)  Noi non ci faremo piegare e spazzare via. Con un processo vergognoso ( in appello hanno letto le motivazioni contestualmente alla sentenza- mai successo in Italia – e hanno fissato l’udienza di cassazione con una celerità mai registrata se non per i condannati per mafia) hanno voluto eliminare dalla scena politica il leader del più importante partito italiano. Noi non molliamo – conclude -. E difenderemo con determinazione la nostra storia politica e il nostro fondatore e leader. Non basteranno pochi magistrati politicizzati per cancellarci dalla storia”.

In una nota riportata dal quotidiano Perini si scusa: “A volte le emozioni e le tensioni superano l’intento, se ho offeso qualcuno mi scuso. Le istituzioni vanno rispettate augurandoci che non vi siano sbagli: il Paese deve andare avanti per il bene di tutti”. I commenti, nel frattempo, non sono stati rimossi dal profilo di Gallera. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Condanna Berlusconi, Brunetta: “Ora la grazia o difenderemo democrazia”

next
Articolo Successivo

Napolitano e la grazia al pregiudicato Berlusconi

next