Modena e i comuni della Bassa hanno accolto con entusiasmo gli artisti dell’edizione 2013 del festival di street art ICONE organizzato dall’associazione culturale Fuori Orario e dalla Galleria D406, nato quest’anno con lo scopo di mantenere viva l’attenzione sulla tragedia del terremoto e di creare un percorso artistico che possa promuovere le nostre terre richiamando turisti come sta avvenendo in molte parti d’Italia e del mondo.

Mi piace immaginare che con il contributo dell’arte le aree abbandonate di Modena e quelle da ricostruire della Bassa possano essere totalmente ripensate, affidare al talento dei migliori writers in circolazione la nascita di nuovi paesaggi urbani, una sfida che sarebbe un peccato non cogliere; l’area dell’ex AMCM a Modena, per citare un esempio, potrebbe trasformarsi in una strepitosa galleria all’aperto, allo stesso modo i comuni colpiti dal terremoto potrebbero trovare un prezioso aiuto per il rilancio post sisma; sta forse nascendo una nuova Modena?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rimini, la denuncia del sindacato: “Solo 2 euro per pulire una camera”

next
Articolo Successivo

Operai Berco: si apre la trattativa per il piano di 611 licenziamenti

next