Non si può certo scomodare Pier Paolo Pasolini e il suo pensiero sui giovani della battaglia di Valle Giulia (Roma, 1968), ma Mario Borghezio, europarlamentare leghista, sembra volerne trarre ispirazione. ”Il caso del figlio di un magistrato piemontese fermato per i noti fatti di Chiomonte fa emergere una realtà che, non casualmente, si è sempre voluta tenere ben nascosta: molti giovani rivoluzionari non sono solo figli di papà ma anche di papà con toga… “.

Tra i sette gli attivisti No Tav arrestati da polizia e carabinieri durante i disordini di venerdì notte intorno al cantiere Tav in Val di Susa c’è anche Ennio Donato, figlio di un magistrato torinese, 29 anni di Ivrea (ma residente a Napoli) vicino al centro sociale Askatasuna. Gli altri arrestati arrivano da diverse città italiane: uno da Milano (Gabriele Tomasi), due da Roma (Piero Rossi e Matthias Moretti), uno da Trento (Luke Molina), uno da Potenza (Marcello Botte) e uno da Genova (Alberto De Stefanis). Tutti considerati noti dagli inquirenti e vicini alcuni ad aree antagoniste dei centri sociali altri a quelle anarchiche. Due attivisti infine sono stati denunciati: una ragazza di 33 anni di Pisa e un 17enne di Milano. L’udienza di convalida verrà celebrata lunedì a domani a Torino. La procura ha chiesto la custodia cautelare in carcere per reati che vanno dalla resistenza e le lesioni a pubblico ufficiale al porto di armi da guerra: un’ipotesi, questa, che riferisce all’utilizzo di molotov

Il politico della Lega va anche oltre nel suo ragionamento sostenendo che un processo in cui è parte civile è fermo al palo perché si vuole proteggere qualcuno: “Questo, a pensar male, spiega bene il fatto che il processo ai miei aggressori per i fatti del 2005 non venga celebrato, a distanza di ben quasi otto anni, al fine evidente di facilitare la prescrizione dei pur gravi reati contestati, forse evidentemente anche a carico di qualche figlio di papà”.

Intanto il ministro dei Infrastrutture Maurizio Lupi interviene sulla Stampa sull’annunciata proposta dei sindaci della Valle di violare la zona rossa: “Ritengo legittima la protesta civile ma ritengo che oggi, proprio per quello che è successo … un gesto simbolico in sé lecito potrebbe essere letto come una legittimazione dei violenti, quindi un errore. Voglio augurarmi che nessuno abbia la tentazione di accostarsi a un gruppo organizzato di semplici delinquenti. Chi si incappuccia – aggiunge – non esprime il dissenso democraticamente. L’obiettivo di queste persone è la Tav in quanto simbolo di una lotta ideologica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un uomo si immola all’aereoporto di Pechino. Nessun ritardo sui voli…

next
Articolo Successivo

Terremoto Marche, scosse nella notte: tanta paura ma nessun danno

next