Un’estate di spettacoli a Forte dei Marmi, dove la Fondazione Villa Bertelli si appresta a dare il via alla prima edizione di un ciclo di serata fra musica, teatro e cabaret. Con l’intenzione di mantenere un forte legame con la satira politica, visto che Forte dei Marmi è la città che dà natali e nome al premio che ogni anno porta in Versilia le migliori firme del giornalismo e della satira italiana e internazionale.

Gli eventi inizieranno sabato 13 luglio, a partire dalle 21.15, con il Concerto Grosso per i New Trolls, pietra miliare del pop italiano. Sul palco la formazione storica con Nico di Palo e Vittorio De Scalzi accompagnati dalla band e da un quartetto d’archi: in scaletta il concerto grosso n.1 e n.2 che faranno integralmente e tutti i maggiori successi. La sera del 14 luglio sarà la volta di Marco Travaglio, che insieme a Isabella Ferrari porterà in scena “E’ stato la mafia”: oltre due ore e mezza di spettacolo per riflettere sull’Italia di oggi. Il 20 luglio si ride con Lillo e Greg, il 25 toccherà a Lella Costa nel recital Ragazze. Previsto anche un omaggio a Franca Rame. Il 27 luglio grande festa per i 50 anni de I Nomadi con un concerto evento che sarà preceduto da una mostra con tutti gli oggetti che hanno accompagnato la storia della band, con un omaggio ad Augusto Daolio. Ad Agosto spazio a Dario Vergassola, Peppe Servillo, i Dik Dik, Paolo Hendel, Arthur Miles, Gino Paoli e I Soliti Idioti. La Fondazione Villa Bertelli ha voluto mantenere prezzi popolari: 15 euro per quasi tutti gli eventi, nel teatro con 1300 posti a sedere e numerati. L’intero festival sarà finanziato solo dagli sponsor, senza alcun contributo dagli enti locali. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Fatto del lunedì: ma dove vai Italia in bicicletta

prev
Articolo Successivo

Il Fatto del lunedì, cattedrali del vizio

next