Mario Draghi riconosce la gravità della crisi economica, ma mette in chiaro che la Banca centrale europea non può imporre alle banche di riaprire i rubinetti del credito. “So che il disagio sociale in alcuni Paesi è una tragedia”, ha detto il presidente dell’Eurotower nel corso di un’audizione al Parlamento europeo, precisando però che la Bce “non puo’ obbligare le banche a finanziare le piccole e medie imprese”, ma può soltanto “continuare a tenere bassi i tassi di interesse“.

Draghi ha parlato di due possibili ragioni che possono giustificare la stretta sul credito: le banche non hanno capitale, oppure quando lo hanno “percepiscono le piccole e medie imprese troppo rischiose e preferiscono investire in titoli di Stato che sono più sicuri”. Il numero uno della Bce ha poi citato uno studio fatto dalla Bce in cui è emerso che le difficoltà delle imprese vengono giustificate prima dalla mancanza di clienti, poi dal fatto che non hanno credito. Ma, ha osservato, “è molto difficile chiedere a una banca di fare credito a una azienda che non ha clienti”.

Riguardo la situazione dell’economia, il presidente della Bce ha fatto notare che in Spagna e Italia c’è stato “qualche segnale incoraggiante” per il miglioramento della competitività che però in generale ha fatto “pochi progressi” nell’Eurozona, mentre sono stati fatti “buoni progressi per il consolidamento di bilancio”. La situazione economica nell’area dell’euro è quindi “più stabile e resistente rispetto a un anno fa” e dovrebbe portare a “una ripresa nel corso dell’anno a un ritmo moderato”.

Draghi ha precisato però che, nonostante i passi avanti all’orizzonte, il risanamento dei conti pubblici è “inevitabile” e “gli sforzi fatti non devono essere vanificati”, facendo intendere quindi che non è ancora arrivato il momento di lasciare la strada del rigore. Anche perché, ha aggiunto, se non si seguisse la disciplina di bilancio “sappiamo come reagirebbero i mercati”, ovvero con aumenti generalizzati dei tassi di interesse effettivi “che deprimerebbero ulteriormente l’economia reale”. Il numero uno della Bce ha avvertito infine che il ”principale rischio sistemico in Europa è la recessione prolungata”, spiegando che “le recessione prolungata danneggia la capacità di credito”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia/Ue: W l’Imu, W l’Iva e W Saccomanni

next
Articolo Successivo

Argentina di nuovo sull’orlo del precipizio, dodici anni dopo il default finanziario

next