Tutti i membri del Governo dovranno pubblicare online i dati sulla loro situazione patrimoniale. Con una circolare ufficiale, infatti, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi, ha ricordato la scadenza del termine di ottemperanza alle normative sulla trasparenza stabilite da un decreto legislativo dello scorso marzo.  

Patroni Griffi, si legge in una nota di palazzo Chigi, “ha predisposto una circolare indirizzata a tutti i ministri, a tutti i viceministri e a tutti i sottosegretari affinché, in ottemperanza delle normative sulla trasparenza, pubblichino, sul sito istituzionale, tutti i dati sulla loro situazione patrimoniale”. L’articolo 14 del d.lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 prevede, infatti, che “le pubbliche amministrazioni pubblichino entro tre mesi dalla elezione (28 aprile-28 luglio) o dalla nomina dei titolari di incarichi politici i seguenti documenti e informazioni: l’atto di nomina o di proclamazione, con l’indicazione della durata dell’incarico o del mandato elettivo; il curriculum; i compensi di qualsiasi natura connessi all’ assunzione della carica; gli importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici; i dati relativi all’ assunzione di altre cariche presso enti pubblici o privati, ed i relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti”. E ancora: “Gli altri eventuali incarichi con oneri a carico della finanza pubblica e l’indicazione dei compensi spettanti; le dichiarazioni previste dalla legge per il coniuge non separato e ai parenti entro il secondo grado ove gli stessi vi consentano”. Copia della circolare con la ‘scheda sulla trasparenza della posizione patrimoniale e reddituale dei titolari di cariche di governò, informa il governo, “è disponibile al seguente link: http://www.governo.it/backoffice/allegati/72038-8779.pdf”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Io, di destra, ma con chi posso far politica oggi?

next
Articolo Successivo

F35, il Consiglio supremo di difesa contro legge e Costituzione!

next