“Non desiderare la roba d’altri”: questo il tema della quinta puntata de ‘I dieci comandamenti’ (stasera alle 22,55), il programma di Rai3. Il viaggio di Domenico Iannacone riprende da Roma, dove nel dicembre dello scorso anno, 2.000 persone – tra italiani e stranieri, individui e nuclei familiari – hanno occupato otto edifici abbandonati. Erano alla ricerca di un tetto, una casa che altrimenti non avrebbero potuto permettersi con stipendi da 500/600 euro perché invalidi con pensioni minime, oppure disoccupati privi di reddito, giovani in attesa di primo impiego oppure rifugiati politici. Iannacone si confonde con i nuovi senza casa, li accompagna mentre occupano un albergo abbandonato e una sede Inps dismessa. Conosciamo così gli occupanti di oggi e quelli di ieri che, organizzati dai BPM (Blocchi Precari Metropolitani), entrarono diversi anni fa dal cancello aperto e occuparono Via Spalla 53. Dormirono sui cartoni al piano terra poi, via via, iniziarono a colonizzare lo spazio, derattizzando, distribuendo e dividendo metri quadri secondo necessità. Poi il racconto di Ornella e di sua figlia Annamaria. Casalinga felice, in una casa bella e confortevole, Ornella è entrata in un’altra vita quando il compagno si è ammalato ed ha perso il lavoro. Ora si è adattata nelle due stanze al piano terra di una casa occupata. Si guadagna da vivere come collaboratrice domestica, con uno stipendio di cinquecento euro circa mensili, e riesce comunque a mantenere la figlia Annamaria all’università

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Wifi libero bis? Ecco cosa dice davvero il decreto

prev
Articolo Successivo

Grecia, la Corte Suprema: “La chiusura della tv pubblica viola la Costituzione”

next