“Il Movimento cinque stelle deve andare verso una trasformazione o non vedo via d’uscita”. Non è una critica, ma l’augurio che Dario Fo rivolge al movimento di Beppe Grillo, in quello che il premio Nobel definisce un “momento difficile”. A Milano, nel corso della presentazione del libro scritto con la giornalista Giuseppina Manin, ‘Un clown vi seppellirà‘, Fo difende i cinquestelle di fronte al compito che li aspetta: “Stanno facendo un miracolo, e non hanno esempi ai quali ispirarsi”. Tuona poi contro la stampa che li attacca in tutti i modi, e soprattutto contro la vecchia politica: “Di fronte ai loro disastri elettorali non sanno far altro che consolarsi con quello che chiamano “il flop di Grillo”. E’ nel comico genovese che Fo confida: “Ha l’intelligenza per guidare il movimento verso il cambiamento di cui ora hanno bisogno”. Per Fo c’è bisogno di “struttura portante, perché i giovani del movimento possano studiare, imparare a preparare programmi, non solo a parlare”. E sulla volontà sempre espressa da Grillo di non voler trasformare il movimento in un partito, replica: “Sono dettagli, non attacchiamoci alle forme. Hanno già dimostrato di saper cambiare. Si può cambiare tutto” di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Immigrazione, bozza ddl semplificazioni: “Cittadinanza più facile a nati in Italia”

prev
Articolo Successivo

Movimento 5 Stelle: il delirio di Grillo

next