Su il Fatto Economico quattro pagine di economia senza sconti per raccontare come Marco Tronchetti Provera, il presidente di Pirelli, sia il simbolo di un capitalismo di relazione che riesce a conservare potere usando i soldi delle banche a scapito dell’industria e dei piccoli azionisti. Poi come la Goldman Sachs, la più famosa delle banche d’affari, dopo aver arruolato negli anni Gianni Letta, Prodi, Draghi e tanti altri, ora con la crisi abbia smesso di cercare i politici che non servono più. Vi chiariamo anche perché in Sicilia e in Sardegna l’energia è molto più costosa della media nazionale, mentre il conto lo paghiamo tutti in bolletta. E, soprattutto, l’economista Alberto Bagnai spiega perché l’Italia e l’Europa devono considerare tutte le opzioni per uscire dalla crisi. Anche quella estrema dell’addio alla moneta unica. Poi c’è la richiesta di Antonello Soro, il Garante per la protezione dei dati personali, che nella sua relazione annuale al Parlamento, ha sottolineato che non è più possibile “essere indulgenti con la violenza verbale presente nella rete”. E Google, Facebook e Amazon “diventano sempre più intermediari esclusivi tra produttori e consumatori”. Mentre sul fronte della politica vi ricostruiamo l’intensa giornata vissuta dal M5S. Beppe Grillo ha risposto alle accuse di Adele Gambaro, senatrice del MoVimento Cinque Stelle che indica la causa della debacle elettorale nei toni troppo duri nella comunicazione utilizzati dal suo leader. Dichiarazioni lesive, secondo Grillo che la espelle dal Movimento. Intanto Nicola Morra è il neo capogruppo M5S al Senato. Ci vediamo ‘In edicola’: ogni sera le anticipazioni su ilfattoquotidiano.it (riprese e montaggio Samuele Orini e Paolo Dimalio).
Tutte le offerte di abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Odio e insulti in rete, Boldrini: “No a leggi speciali, ma attenzione culturale”

prev
Articolo Successivo

Cyberwar, se il Datagate spezza la fiducia sul web

next