Da qualche anno le campagne di Saluzzo, provincia di Cuneo, sono diventate la meta per molti raccoglitori africani in cerca di lavoro stagionale. Si tratta per la maggioranza di rifugiati politici arrivati con le navi salpate dalle Libia e accolti durante l’emergenza nord-africa. Come l’anno passato un gruppo di profughi non ha trovato posto nelle case di accoglienza messe a disposizione dal Comune e dalla Caritas. Circa un centinaio si sono accampati alla periferia del paese alle spalle del foro boario. Qui dormono sotto teloni, su pochi materassi o cartoni. Il sindaco Paolo Allemano ha emesso un’ordinanza di sgombero per l’accampamento di fortuna, che è diventata esecutiva all’alba di mercoledì. La Coldiretti metterà a disposizione altri 130 posti letto in container distribuiti per le campagne. Intanto la voce di una possibilità di lavoro si sparge tra i braccianti africani in tutta Italia, attirando in quest’area ogni anno sempre più braccianti  di Cosimo Caridi 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Voglio un assistente sessuale per mio figlio disabile”

prev
Articolo Successivo

Trapani, il sindaco nega il patrocinio gratuito al documentario su Rostagno

next