Da qualche anno le campagne di Saluzzo, provincia di Cuneo, sono diventate la meta per molti raccoglitori africani in cerca di lavoro stagionale. Si tratta per la maggioranza di rifugiati politici arrivati con le navi salpate dalle Libia e accolti durante l’emergenza nord-africa. Come l’anno passato un gruppo di profughi non ha trovato posto nelle case di accoglienza messe a disposizione dal Comune e dalla Caritas. Circa un centinaio si sono accampati alla periferia del paese alle spalle del foro boario. Qui dormono sotto teloni, su pochi materassi o cartoni. Il sindaco Paolo Allemano ha emesso un’ordinanza di sgombero per l’accampamento di fortuna, che è diventata esecutiva all’alba di mercoledì. La Coldiretti metterà a disposizione altri 130 posti letto in container distribuiti per le campagne. Intanto la voce di una possibilità di lavoro si sparge tra i braccianti africani in tutta Italia, attirando in quest’area ogni anno sempre più braccianti  di Cosimo Caridi 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Voglio un assistente sessuale per mio figlio disabile”

next
Articolo Successivo

Trapani, il sindaco nega il patrocinio gratuito al documentario su Rostagno

next