“L’azione giudiziaria da sola non basta per fare luce sulle stragi”. Sono le parole del sostituto procuratore Gaetano Paci, presidente della Fondazione Legalità ‘Paolo Borsellino’, che da 23 anni lavora alla procura di Palermo, a margine dell’incontro “Il lungo viaggio della verità. A 20 anni da via Palestro”. L’evento, organizzato dal Comune di Milano, è stato incentrato sulla mancanza di verità che ruota attorno agli attentati che, dalla Sicilia alla Lombardia, hanno sconvolto il nostro Paese. Il pm Paci ha invitato i parlamentari a dare il proprio contributo “con una commissione d’inchiesta o strumenti simili”. Intanto da pochi giorni è iniziato il processo sulla trattativa Stato-mafia che vede imputati anche rappresentanti delle istituzioni che, secondo la procura di Palermo, avrebbero trattato con Cosa Nostra durante il biennio al tritolo che insanguinò l’Italia tra il 1992 e 1994  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il pm Di Matteo sotto scacco, mentre lo Stato non c’è

prev
Articolo Successivo

Caro Saviano, contro il riciclaggio abbiamo un punto di partenza

next